Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

Accedi con ForumConsumatori


Recupero Password Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 66957  Discussioni create: 40400  Messaggi inviati: 260550
Iniziata: oltre un anno fa   Ultimo aggiornamento: oltre un anno fa   Visite: 11907

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

salve a tutti i disperati come me.ho stipulato un prestito con plus valore (ORA IN LIQUIDAZIONE) avvalendomi come garante di mio padre pensionato e del mio stipendio che allora valeva € 1900.come un gran deficente ora mi trovo dissoccupato e nulla tenente, mentre mio padre ha una pensione di vecchiaia.ad entrambi è stato notificato un ricorso per decreto aggiuntivo.anche mio padre è nullatenente, ho provato a rinegoziare il debito con una rata inferiore,prima del decreto, ma con il casino del fallimento non avevo più nessun riferimento nell azienda plus valore.io non voglio bruciare la finanziaria, come posso risolvere il problema ?possono prendere tutto il valore della pensione?posso negoziare in fase di conciliazione?chi può aiutarmi senza spendere una cifra esorbitante sono senza lavoro e non sò proprio che fare.grazie a tutti

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 1 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Ti rispondo sinteticamente:se hai ricevuto un decreto ingiuntivo si presume che tu abbia già ricevuto una messa in mora tempo fa (decadenza del beneficio del termine). Il problema della finanziaria "bruciata" come dici tu è ormai superato nel senso che sei stato segnalato nelle banche dati come cattivo pagatore e quindi, a questo punto sei out con loro.Riguardo al decreto ingiuntivo, essendo tu ora disoccupato e tuo padre pensionato e garante, presumo che abbiano richiesto un pignoramento presso terzi (l'inps che eroga la pensione a tuo padre) per cui il mio consiglio è quello di presentare, tramite avvocato e tassativamente entro 40gg dalla notifica) opposizione al decreto. Questo ti permetterà di avviare una procedura civile che durerà un certo tempo e probabilmente si concluderà con un pignoramento di un quinto della pensione di tuo padre, quota che sarà stabilità dal giudice.Ovviamente scordati finanziamenti per una decina d'anni.

SONO SEMPRE STATO MARXISTA... CORRENTE GROUCHO
SONO SEMPRE STATO MARXISTA... CORRENTE GROUCHO

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Skorpione,tu disoccupato,ma la pensione di tuo padre a quanto ammonta,pagate affitto casa,altre spese,fate opposizione come gia' indicato,e li sara' il giudice a stabilire la quota del 5° in base a lìimporto della pensione,di piu' non possono farti/vi,tranquillo e vivi sereno ciao

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

SKORPIONE dice<<>Mai......sempre nella misura del 5° e sempre che la pensione non sia al minimo (500/600 euro).<<>>Io non capisco cosa vuoi rinegoziare se esendo disoccupato non sei in condizione di pagare una rata. Tuttavia se proprio insisti,basta scrivere una bella raccomandata alla Finanziaria con la quale chiedi di rinegoziare una rata più bassa per poter onorare l'impegno.Altrimenti si attaccano.

LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO, E' LA RIBELLIONE !
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO, E' LA RIBELLIONE !

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

grazie atutti per le risposte.ho un altro quesito.posso redigere da solo l'opposizione al ricorso del decreto ingiuntivo?se si come?posso avvalermi di un avvocato d'ufficio?grazie

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

la pensione ammonta a circa 800 € sono due pensioni una italiana ed una tedesca di circa 176 €.

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 1 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK

Gentile visitatore,

l'accesso gratuito a questo sito è possibile grazie al presenza di alcuni inserti pubblicitari.

Ti chiediamo gentilmente di disattivare il blocco della pubblicità dal tuo browser e, possibilmente, di sostenerci visitando i siti degli sponsor.

Grazie per la comprensione.

Ok, ho disattivato il blocco su questo sito